Seleziona una pagina

Chi sono

Istruttrice Parelli 3 stelle

La mia storia

Se si potesse  analizzare il mio DNA, sono sicura  che si vedrebbero chiaramente le tracce della mia profonda passione per i cavalli.
Fin da bambina non giocavo con le bambole o a “mamma casetta”, ma solo con i miei preziosissimi cavallini di plastica, amavo questi splendidi animali ancora prima di vederne uno dal vivo.

 Un bel giorno, con il nonno, mi avvicinai a due maestosi cavalli neri da tiro, dei giganti in confronto ad una cucciola di quattro anni com’ero io.
La dolcezza, il calore, il sentimento che mi hanno trasmesso in quel preciso istante, hanno seminato nel mio cuore un grande desiderio, un sogno che ho cullato e protetto con determinazione, impegno e volontà, anno dopo anno.

La mia famiglia, capendo questa mia inclinazione, all’età di sei anni, mi ha fatto avvicinare al volteggio e alla monta inglese. Tante sono state le cadute, e anche la paura di farsi male seriamente.

Tuttavia, quando la passione è grande, la determinazione e la fiducia ti aiutano a superare gli ostacoli e così ho scelto di continuare nel mio percorso formativo.

La mia famiglia all’inizio mi seguiva scetticamente, sottovalutando questa mia passione, pensava che si sarebbe affievolita ed esaurita nel tempo. Invece, dopo le mie continue conferme e pressioni, è finalmente arrivata Saphira, il mio primo grande amore, una cavallina con sangue arabo, la prima che mi ha fatto piangere, disperare ed arrabbiare.

Questa situazione di sofferenza e frustrazione per me e per Saphira, mi ha spinta a scoprire e sviluppare il mio percorso di Natural Horsemanship nella giusta direzione, grazie all’aiuto degli istruttori Parelli Franco Giani e Angelika Schneider, del team Parelli, nel primo Fast Track in Italia, e ai miei istruttori statunitensi Maurice Thibault e Susan Nelson, che mi hanno preparata per conseguire la mia prima stella come Parelli Professional Instructor.